Italiano ITAEnglish ENGfrançais FRA

“L’economia – se al servizio dell’uomo – ha un doppio ruolo specifico da svolgere: non solo soddisfare i suoi bisogni, ma, soprattutto – almeno ove possibile – liberarlo dagli stessi.”

Chi siamo

EFrem (Energy Freedom) - Economia di Riconciliazione: è una associazione Onlus (Organizzazione Non lucrativa di Utilità sociale) - ai sensi del D. Lgs. 4.12.1997 n. 460, nata a Brescia il 31 ottobre 2007, la cui missione è far crescere la cultura sulle energie rinnovabili nel Terzo Mondo. L’ associazione è formata da tecnici, imprenditori, specialisti in intercultura, docenti universitari ecc. Il gruppo è multinazionale e multietnico. EFrem ha la missione:

  • di studiare, presentare, progettare, realizzare e mantenere, per conto del richiedente, qualsiasi impianto di energia alternativa rinnovabile, primariamente nei paesi in via di sviluppo e nelle strutture sociali e pastorali della Chiesa Cattolica.
  • Elaborare studi di fattibilità e ricerche di mercato per la realizzazione di un sistema di produzione e di distribuzione di energia alternativa.
  • Formare formatori, managers, ingegneri, designers, installatori e manutentori di Energie Alternative Rinnovabili Sociali (EARS).

Lo scopo fondamentale di EFrem è di trasformare i consumatori locali di energia tradizionale in diretti produttori e, possibilmente, distributori di energia attraverso il sistema di energie alternative rinnovabili.

Cosa facciamo

Si nota con evidenza che una potente serie di strumenti è disponibile per l’implemento ed il mantenimento di una economia di riconciliazione: si tratta, sostanzialmente, di alcune nuove applicazioni tecnologiche.

» continua a leggere...

Perché economia di riconciliazione?

Circa 2 miliardi di persone nel mondo vivono senza elettricità. È in Africa sub-sahariana che questa penuria è più rigorosa, con circa 500 milioni di persone senza accesso all'elettricità. Per i più poveri dei poveri, l'illuminazione è spesso il posto più costoso delle spese d'energia, poiché rappresenta di solito da 10 a 15 per cento del reddito totale delle famiglie.

» continua a leggere...