Italiano ITAEnglish ENGfrançais FRA

Testimonial


Febbraio 2008

Caro Giambenedetto,
molto bella la tua proposta e spero che EFrem vada avanti.
Tieni conto che negli ultimi anni alcune evoluzioni nel senso di considerare lo sviluppo non solo in senso economico o economistico ci sono state, vedi per esempio i rapporti sullo sviluppo umano dell’ONU alcuni dedicati ai temi ambientali, e il libro di Sen Sviluppo e libertà, però mi pare che il tuo approccio sia molto interessante e utile.
Gianni Vaggi - Docente nella facoltà di economia dell’Università di Pavia e membro del comitato per gli interventi caritativi in favore del terzo mondo.

Novembre 2007

Ciao Giambe
ho letto con grande piacere il tuo elaborato.
Quasi mi sembra assurdo, data la fattibilità della proposta, che ancora non sia stata attuata.
Credo che l'EARS possa rappresentare un vero progresso non solo per il sud ma anche per il nord del mondo.
Una sola domanda: La CEI finanzierebbe l'acquisto dei pannelli? in che misura? in che progetto? in che stato?
Oppure, come riuscire a destinare ed educare i gruppi di volontariato a destinare parte dei fondi per questa proposta? Come eventualmente pubblicizzarla anche come inizio a tutti i missionari nel sud del mondo?
Fammi sapere se hai ricevuto questa mail. La precedente sembra non pervenuta.
Un fraterno saluto

Claudio Treccani - Animatore del Centro Missionario Diocesano

Maggio 2008

Hi there,
I think we have to structure it in this following way:
1. Mention the problem statement i.e. number of people in South Africa that do not have access to energy. We can do that per province (we can get that data from Statistics South Africa), looking at rural provinces like eastern cape and kwazulu natal and the negative effect that unnatural energy has on the environment e.g. global warming. Maybe use the slogan "In nature nothing is destroyed and nothing is created".
We can also use the eskom black outs as part of the Problem statement. at the moment there are frequent electricity cuts and mainly because Eskom can’t handle the massive number of people that need electricity at the same time
2. Give a short but comprehensive overview of Efrem(its formation, the board members, its vision and mission etc) and its intent and how the initiative will benefit the poor and the environment
3.Introduce the topic solar energy and what it means for the poor and the environment and mention something on the Millenium development goals like I suggested on the background. South Africa is one of the member states that has committed itself to the MDGs. One of the goals states that the poor should have access to energy and also something about ensuring environmental sustainability.
4.Mention the roll out plan on how we wish to implement it in South Africa (by mentioning our targeted beneficiaries, personell working for EFrem, budget, timeframes, labour, etc) and the rest of the continent and its success in Uganda (how it was implemented)
5. Also mention the disadvantages and advantages of the use of solar system
6.Mention the relevant stakeholders of EFrem (Church, NGOs,ETC)
7. Explain the role that government will need to play if any.
8. Conclusion: how we foresee EFrem impacting on the life of the poor and the environment??? I am not sure how we will conclude it, but we will find a way.
Ciao

Neo Matsena – Ministry of Home Affair, Republic of South Africa

Marzo 2009

Gentilissimo Sig. Dottore,
Prendiamo l’occasione, io P. Lorenzo Franzoni e mio fratello P. Batista, di rinnovare i nostri sentimenti di profonda gratitudine per quanto prende in considerazione il nostro lavoro.
Il nostro comune amico, il Sig. Mario Boscaglia, per e-mail, ci ha inviato il suo testo di “Economia di riconciliazione – Sommario”, molto centrato. Sembra perfino fatto sull’analisi della nostra situazione a riguardo dell’erogazione locale dell’energia elettrica.
Tra parentesi:
• Soffriamo, frequentemente , in una giornata, anche cinque sospensioni improvvise di energia elettrica.
• Gestiamo un Centro Tecno,logico per formazione professionale, con dei bei laboratori, siamo obbligati a fare funzionare un laboratorio alla volta per l’insufficienza dell’energia e da sei mesi aspettiamo che la società elettrica venga innestare il dispositivo necessario.
Congratulazione a Lei, per lo studio e per la proposta.
Crediamo di aver capito la sostanza del testo, ma, non essendo noi abituati all’uso di certi termini tecnologici, ci sfuggono certi particolari. Cosi:
-il motivo per cui è stato mandato il testo accennato?
-Siamo invitati a far parte del o di un gruppo EFrem?
-Cosa potremmo richiedere? Quale esigenze?
-E altro
Ci scusi se siamo inopportuni. Se avrà tempo e la bontà di informarci ulteriormente le saremmo grati.
Saluti.

P. Lorenzo e P Battista – Piamartini, Brasile